Che pizza! (racconto fantastico)

Era la fine della seconda ora e gli alunni della seconda biologico si preparavano a fare colazione come tutti i giorni.    C’era chi aveva panini e chi schiacciatine,  ma in particolare saltava all’occhio la pizza quadrata del professor Mario. Era diversa dal solito:  la mozzarella aveva delle strane macchioline verdi, che tutt’ a un tratto cominciarono  a ribollire. Tutti si spaventarono, vedendo quello strano latticino verdognolo muoversi, staccarsi dalla pizza e avvicinarsi ai banchi degli alunni. Linda cominciò  a urlare e il mostro la prese di mira; la ragazza, con le spalle al muro presa dalla disperazione gli lanciò la prima cosa a portata di mano : il libro di storia, che il mostrò inghiottì voracemente, allentando la pressione sulla ragazza. Tutti la presero come esempio  e iniziarono a lanciare nella bocca del mostro , tutti gli oggetti che trovavano. La mozzarella cominciò allora a crescere, a crescere ancora , ancora e ancora, fino a diventare gigantesca.  Fu l’ultimo libro:  una vecchia edizione dei promessi sposi lanciata dal professore a farla scoppiare.  Al muro rimasero appiccicati tanti frammenti verdognoli e per un po’ nell’aria aleggiarono minuscoli coriandoli di carta.  La tensione finì e la classe scoppiò in una grande risata all’affermazione del professore :  <NON COMPRERO’ MAI PIU’ UNA PIZZA QUADRATA!! >

di Zimbili Brenda

Annunci



    Rispondi

    Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

    Logo WordPress.com

    Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

    Google+ photo

    Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto Twitter

    Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

    Foto di Facebook

    Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

    Connessione a %s...


  • La nostra biblioteca

    Clicca per leggere le nostre recensioni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: